a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

ram-ret rig-ron ros-rus

Artisti II - R

NomeDateProvenienzaPaese
 
RampinoGiovannica. 1630 -Roveredo (GR)D
 Architetto. Si stabilì a Bärnau nell'Alto Palatinato, dove sposò Magdalena Schedel ed ebbe 13 figli. Si ritrovano suoi edifici, oltre che a Bärnau, a Floss e a Vohenstrauß, ma soprattutto nella città di Sulzbach, dove risiedevano i principi elettori. Qui realizzò dal 1676 la chiesa Annabergkirche e negli anni 1687-96 ricostruì la chiesa parrocchiale dopo il crollo del campanile.
  Barockbaumeister und Stuckatoren in der Oberpfalz
 
RecchiGiovanni Antonioca. 1635 -Moltrasio (I)I
 Pittore. (Zii: Giovanni Battista e Giovanni Paolo). Collaboratore di entrambi gli zii a Torino.
 
RecchiGiovanni Battistaca. 1610 -Moltrasio (I)I
 Pittore. (Fratello: Giovanni Paolo; nipote: Giovanni Antonio). Allievo di Pier Francesco Mazzucchelli, detto il Morazzone. Nel suo atelier, che aprì a Torino, Recchi dipinse soprattutto scene di soggetto storico.
  Giovanni Battista Recchi
Pier Francesco Mazzucchelli
 
RecchiGiovanni Paolo1605 - 1686Moltrasio (I)I
 Pittore. (Fratello: Giovanni Battista; nipote: Giovanni Antonio). Realizzò cicli di affreschi nel Palazzo Reale e nel Castello del Valentino a Torino.
  Paolo Recchi
Palazzo Reale, Torino
Castello del Valentino, Torino
 
RettiFamiglia di Laino, Val d'Intelvi (I)
 = Reddi, Reddy
 
RettiAndreaatt. 1620/35Laino (I)A
 Architetto e stuccatore. Lavorò nell'abbazia di Klosterneuburg presso Vienna.
  Andrea Retti
Abbazia di Klosterneuburg
 
RettiLeonardoca. 1630 - d. 1703Laino (I)I
 Stuccatore e scultore. Allievo e collaboratore di Ercole Ferrata (1610-1686), originario di Pellio in Val d'Intelvi (I). Retti è documentato a Roma: altare di Sant'Emerenziana nella chiesa di Sant'Agnese, 1686; cappella di Sant'Ignazio nella chiesa del Gesù, 1695.
  Chiesa di Sant'Agnese, Roma
Chiesa del Gesù, Roma
 
RettiLivio1692 - 1751Laino (I)D
 Pittore. (Padre: Lorenzo Mattia; fratelli: Donato Riccardo, Leopoldo e Paolo). Nel 1717 andò con la sua famiglia a Ludwigsburg, dove suo zio Donato Giuseppe Frisoni era impegnato nella costruzione del castello. Nel 1732 Livio fu nominato pittore di corte del duca Eberardo Ludovico di Württemberg e nel 1743 ottenne la stessa carica dal principe elettore Carlo Teodoro di Baviera. Fra le sue opere, gli affreschi nella cappella del castello di Ludwigsburg.
Livio Retti, affreschi sulla volta della cappella nel castello di Ludwigsburg (D), 1747

Livio Retti, affreschi sulla volta della cappella nel castello di Ludwigsburg (D), 1747

 Livio Retti è inoltre documentato nei castelli di Ansbach, Würzburg e Mergentheim. I suoi affreschi nel municipio di Schwäbisch Hall andarono distrutti a causa di un incendio nel 1945. Livio morì nel 1751 a Schwäbisch Hall.
  Livio Retti
Duca Eberardo Ludovico di Württemberg
Principe elettore Carlo Teodoro di Baviera
 
RettiLorenzo Mattiaca. 1657 - 1742Laino (I)D, I
 Stuccatore e architetto. (Sposato con Elena, sorella dello stuccatore e architetto Donato Giuseppe Frisoni; figli: Donato Riccardo, Leopoldo, Livio e Paolo). Lavorò con Frisoni nel castello di Ludwigsburg.
 
RettiPaolo1690 - 1748Laino (I)I, D
 Architetto. (Padre: Lorenzo Mattia; fratelli: Donato Riccardo, Leopoldo e Livio). Lavorò con i suoi fratelli Donato Riccardo, Leopoldo e Livio nel castello di Ludwigsburg. Non lontano da quest'ultimo eresse tra il 1729 e il 1731 il castello di Freudental per Wilhelmine von Grävenitz.
  Castello di Ludwigsburg (D)
Castello di Freudental
Wilhelmine von Grävenitz
 
 
 © U. Stevens 2017
Traduzione dal tedesco di M.F. Nicoletti
foot